Gen
28
Filed under (Senza categoria) by anna on 28-01-2007


“Ciascun istante può aprirsi dal di dentro su un’altra dimensione,
facendoci così vivere l’eternità dell’istante, nel presente eterno…
L’eternità non è nè prima nè dopo il tempo, essa è la
dimensione sulla quale il tempo può aprirsi”
Pavel Evdokimov

Gen
26
Filed under (Senza categoria) by anna on 26-01-2007


ARRIVO

Il grembo del sistema di colpo ha partorito
gemelli a milioni.
Le sue ruote gonfie di odio e di obbedienza
urlano ordini.
Sbucano dalle nebbie e le palandrane grigie
come impazzite si spostano in continuazione
ci colpiscono alla cieca rompendo la fila
guadagnata con pugni e calci e colpi di fucile.
Le orecchie sono sorde, le parole
le inghiotte il vento
che dalle fabbriche di morte
porta odore di carne bruciata e cenere
sulle nostre teste calve di colpe non commesse.

Edith Bruck

Riferimenti: Il Giorno della Memoria

Gen
20
Filed under (Senza categoria) by anna on 20-01-2007


Accanto a noi, anche se non sempre ce ne accorgiamo, c?è un mondo invisibile. Pur essendo invisibile, determina moltissimo della nostra vita e, forse per questa sua caratteristica, vale la pena di esplorarlo. Dentro il mondo invisibile si fanno molti incontri (reali, non virtuali) e molte esperienze. Un aspetto particolarmente interessante di questa realtà parallela è l?assenza dei vincoli spazio-temporali ai quali siamo normalmente legati.
?non voglio togliere nulla al mondo visibile, perché gli riconosco una priorità assoluta in termini di impegno personale, e mi sembrano importantissime tutte le piccole azioni quotidiane, anche quelle della giornata apparentemente più banale. Ma c?è uno scambio continuo tra visibile e invisibile.

Gen
15
Filed under (Senza categoria) by anna on 15-01-2007


Pubblico in questo post un altro dipinto di Marco, per almeno due motivi: per dare un esempio anche figurativo della sua arte, e perchè mi ha catturato subito per l’intensità che trasmette.
Ho scelto per accompagnarlo queste parole:
“In un quadro io vorrei dire qualcosa
di consolante come una musica.Vorrei
dipingere degli uomini o delle donne
con un non so che di eterno.” (Vincent Van Gogh)

Riferimenti: Conoscere Marco

Gen
08
Filed under (Senza categoria) by anna on 08-01-2007


In questi ultimi giorni ho conosciuto una persona che mi ha colpito moltissimo: Marco Josto Agus, che parla e parlerà sempre attraverso i suoi quadri bellissimi e tutti gli intensi passaggi della sua vita. Non sono un?esperta, ma colgo nei suoi quadri una personalità fuori dal comune, luminosa e nello stesso tempo immersa nei grandi perché della vita. Appassionato conoscitore di Van Gogh, nel suo diario si rivolgeva direttamente a Vincent e c’è come un tormento, una bellezza profonda, che li accomuna. Credo che i suoi dipinti (sono tantissimi, perchè lui aveva sempre “le mani sporche di colore”) voleranno nel tempo, al di là del tempo.
Pensando in particolare a lui, trascrivo queste righe che già da un po? di tempo avevo in mente di lasciare nel blog:

“Tutto avviene come se fossimo fatti per qualcosa d?altro, per un
avvenire irrealizzato, per una felicità non ancora ottenuta, per un
altro mondo, per un?altra vita, per essere liberati dalle apparenze
che ci opprimono, per vincere la morte, che resta lo scandalo in
assoluto.”
…Non si può capire nulla se non si accetta di giungervi partendo
da un punto più alto…Trovare la cima, quel punto invisibile verso
cui convergono tutte le linee, stabilirsi su di essa con un?ipotesi
eroica, e poi scendere verso le valli che in questo modo
si illuminano” (Jean Guitton)

A Marco che, come scrive il padre, percorre la luminosa e fiorita
strada dell’Eternità.

Riferimenti: I colori di Marco Josto

Gen
03
Filed under (Senza categoria) by anna on 03-01-2007


Silenziosi perché nessuna voce accompagna la loro presenza, amici perché l?impressione che il blog mi rimanda è positiva: percepisco spesso una vicinanza notevole sui temi che mi stanno a cuore e, quando una diversità esiste, lo scambio è sempre improntato al rispetto reciproco. Ci sono poi degli aspetti che ancora sto studiando: per esempio, in alcuni casi mi piacerebbe arrivare anche a un incontro nel mondo reale, ad alcuni bloggers penso tante volte, in tanti momenti della giornata e, a questo punto, posso dire che sono entrati nella mia vita. Moltissimi resteranno degli sconosciuti, eppure quelle mezz?ore passate di fronte al monitor, a digitare sulla tastiera, più che di solitudine sanno di compagnia, una compagnia silenziosa, rilassante, reale. Perchè, in questo mare virtuale, si sfiora di continuo la realtà, che è fatta di persone non virtuali ma vere. Non ho molto tempo da gestire individualmente e non ne passo tantissimo di fronte al monitor?ma stare in questo mare ha qualcosa di bello. Da questo post, mando un saluto speciale a tutti i bloggers con cui ci siamo finora incrociati, ed uno anche ai nuovi che penso di scoprire durante questo nuovo anno.