Mag
05

Finalmente posso rileggere una delle mie inchieste preferite, ristampata da Adelphi col titolo "Maigret e il barbone", mentre negli Oscar Mondadori era stata "Maigret e il vagabondo". Bellissima, ancora più di come la ricordavo. Poche righe e sei lì, sotto il pont Marie, a cercar di capire chi ha buttato in acqua, con intenzioni molto cattive,  il "dottore". E’ successo in primavera, quindi è possibile respirare quel particolare sapore dell’aria parigina dopo l’ultimo acquazzone notturno.

Continua con la lettura »