Lug
31
Filed under (Argomenti vari) by anna on 31-07-2010

 Qualche settimana fa ho comprato da una fantasiosa signora che gestiva una piccola bancarella, due scatole di latta: una per i pennarelli e una per i biscotti. I pennarelli li avevo, mancavano i biscotti. Stasera quindi, seguendo una ricetta segreta, ho preparato, con un’aiutante molto capace, i biscotti alle noci.

DSCN0149

DSCN0125Che soddisfazione riempire la scatoletta…DSCN0136

Questi alci (o queste alci?) sono arrivate direttamente dalla Svezia…DSCN0140

Ed ora vorrei regalare un biscotto a ciascuno dei visitatori di questo blog, è il biscotto più biscotto di tutti, eccolo:DSCN0143_B

Lug
31
Filed under (Argomenti vari) by anna on 31-07-2010

Finalmente posso dedicarmi a un certo numero di libri con tranquillità. Posso permettermi di leggerne almeno due alla volta, o meglio, uno o due continuo a leggerli costantemente ma lentamente, e tutti gli altri invece velocemente, uno dopo l’altro. DSCN0118

VDSCN0115

Vorrei innanzittutto parlare del libro che tra pochi minuti riprenderò in mano: “IO STO NEI BOSCHI” di Jean Craighead George…che dire? Da sempre desideravo leggerlo e non sapevo che esistesse! Ho scoperto in realtà che è un classico per i bambini americani, che dal 1959,  anno della prima edizione, non hanno smesso di leggerlo. Questa per me sconosciuta autrice  comincia con una prefazione deliziosa che non viene  smentita dal contenuto dei 22 capitoli. La storia è quanto di più ingenuo e semplice si possa immaginare: Sam, ragazzino di circa 16 anni, per sfuggire all’oppressione della vita in città, dentro un piccolo appartamento condiviso da 11 persone, se ne va via a vivere da solo nei boschi dei monti Catskill, dove un tempo aveva abitato anche il suo bisnonno. Sam realizza così il sogno di qualsiasi bambino, adolescente, giovane… del mondo intero: vivere completamente solo, procurandosi da mangiare ciò che offre la natura, avendo per amici gli animali, risolvendo ogni difficoltà con tenacia, ottimismo e facilità. E’ chiaro che si tratta di un puro sogno? E’ chiaro, purtroppo la realtà ha dimostrato che non tutto si risolve così facilmente vivendo nei boschi in completa solitudine.  Mi sto convincendo che anche Chris Mc Candless, da ragazzino,  avesse letto il libro: Chris è il giovane americano che cercò di vivere in completa indipendenza “nelle terre selvagge”…..ed il film “Into the wild” ha raccontato splendidamente la sua storia, che purtroppo  non è uguale a quella di Sam. Ecco, questa è l’unica nota di tristezza che si lega per me al libro, che è invece pieno di positività e comunica un senso di felice appagamento. ”Io sto nei boschi”  si legge velocemente (purtroppo),  ed io ho controllato la fine perché non ho resistito: bellissima. Ora, piuttosto che raccontare la trama, del resto veramente semplice, trascrivo qui i titoli di alcuni capitoli:

Cap. 3: COME TROVAI LA FATTORIA GRIBLEY- Cap. 5: QUI VI RACCONTO…DI UN VECCHIO, VECCHIO ALBERO- Cap. 13: COME L’AUTUNNO MI PROCURO’ CIBO E SOLITUDINE- Cap 18: QUELLA VOLTA CHE…IMPARAI MOLTE COSE SUGLI UCCELLI E SULLE PERSONE -Cap.19: IL GIORNO IN CUI…MI GUARDAI INTORNO E SCOPRII LA PRIMAVERA NELLA NEVE.   Finisco con un dettaglio, finora per me il più affascinante: Sam vive dentro un albero, si, in una comoda stanza con letto, ripostigli e focolare in cui cuocere le focacce di farina di ghiande (da spamare naturalmente con la marmellata di mirtilli).

Lug
28
Filed under (Argomenti vari) by anna on 28-07-2010

DSCN0104  Ecco la Mandivillea, una pianta molto bella che ho da tre anni: le corolle hanno una forma estremamente semplice, sembra un fiore disegnato da un bambino,  i petali rosa sono uno spettacolo. La Mandivillea sopporta senza fare una piega il  freddo dell’inverno e il caldo torrido dell’estate, d’inverno sta in completo riposo…senza più foglie, rimangono soltanto gli esili e contorti steli rampicanti. Poi a giugno le foglie rinascono e dopo poche settimane compaiono i fiori: sono sempre freschi e belli, non si nota quando appassiscono e  fioriscono ininterrottamante fino ai primi di novembre.

DSCN0105

Lug
25
Filed under (Argomenti vari) by anna on 25-07-2010

Scattando una foto ai fiori sul davanzale, non mi ero accorta del riflesso sui vetri della finestra.

DSCN0080

 

Ed ecco il riflesso nella realtà.

DSCN0071

Lug
23
Filed under (Argomenti vari) by anna on 23-07-2010

Comincia così una bella poesia di Neruda, che mi è tornata in mente il giorno che ho scattato questa foto: DSCN0098

  Non trascrivo la poesia di cui ho appena parlato, è un pò troppo personale…ne ho scelto un’altra invece, sempre di Pablo, perch’ pur essendo triste…è molto bella:

Abbiamo perso ancora questo crepuscolo.

nessuno ci vide questa sera con le mani unite

mentre la notte azzurra cadeva sopra il mondo.

Dalla mia finestra ho visto

la festa del tramonto sopra i colli lontani.

A volte come una moneta

s’accendeva un pezzo di sole tra le mie mani.

io ti ricordavo con l’anima stretta

da quella tristezza che tu mi conosci.

Allora dove eri?

Tra quali genti?

Dicendo quali parole?

Perchè mi verrà di colpo tutto l’amore

quando mi sento triste e ti sento lontana?

Il libro che sempre s prende nel crepuscolo è caduto,

e il mio mantello è rotolato ai miei piedi come un cane ferito.

Sempre, sempre, ti allontani nelle sere

là dove corre il crepuscolo cancellando statue.

DSCN0073

Lug
22
Filed under (Argomenti vari) by anna on 22-07-2010

In questi caldissimi giorni non è immediato occuparsi del blog…anche perchè non sono diventata bravissima a gestire l’attuale piattaforma. Comunque non dimentico il mondo virtuale che è fatto di persone reali…Auguro a  tutti  i gentili visitatori di passaggio un’estate  riposante, piena di tramonti rosa e di acqua limpida.DSCN0083[2]