Ago
21

Il valore dell’impegno personale

Filed under (Argomenti vari) by anna on 21-08-2012

E’ molto tempo ormai che mi sono fatta una convinzione precisa: si vive molto meglio quando si mette tutto il proprio impegno in ciò che si fa. Un impegno completamente autonomo e libero, che non si lega a ciò che penseranno gli altri, ai soldi che si guadagneranno o meno, alla società che tanto continuerà ad andar male lo stesso, alla infinita crisi economica, alle tasse che comunque aumenteranno. Personalmente posso dire di aver sperimentato che, a prescindere da tutto questo e da altro ancora, vivere con impegno, in modo serio e onesto, è la cosa migliore che si possa fare e non tanto in termini altruistici quanto perché fa stare bene.
In questi ultimi mesi mi è capitato spesso di parlare di questo argomento con amici e colleghi, ma non riuscivo a trovare le parole adatte a chiarire il concetto. Oggi ho letto nel post di un’amica blogger questo testo di Primo Mazzolari, che non conoscevo affatto e che mi ha offerto molte di quelle parole che cercavo.

 

AMARE IL MONDO

Ci impegniamo, noi e non gli altri,

unicamente noi e non gli altri,

né chi sta in alto, né che sta in basso,

né chi crede, né chi non crede.

Ci impegniamo:

senza pretendere che gli altri si impegnino per noi,

senza giudicare chi non si impegna,

senza accusare chi non si impegna,

senza condannare chi non si impegna,

senza cercare perché non si impegna.

Se qualche cosa sentiamo di “potere”

e lo vogliamo fermamente

è su di noi, soltanto su di noi.

Il mondo si muove se noi ci muoviamo,

si muta se noi ci facciamo nuovi,

ma imbarbarisce

se scateniamo la belva che c’è in ognuno di noi.

Ci impegniamo:

per trovare un senso alla vita,

a questa vita

una ragione

che non sia una delle tante ragioni

che bene conosciamo

e che non ci prendono il cuore.

Ci impegniamo non per riordinare il mondo,

non per rifarlo, ma per amarlo.



1 commento

Adalia on 21 Settembre, 2012 at 16:15 #
    

Santa Chiara, semplicemente: “Quello che fai, fallo bene”. Stampato sul retro della casacca di una ragazza che assiste anziani. Semplicemente.